Storia

Intro

L’identità veneta affonda le sue radici in epoche antichissime, anteriori alle conquiste romane: la civiltà dei Veneti Antichi (o Venetkens), che durò più di 1.000 anni.
Gli antichi veneti avevano sviluppato una loro lingua – il venetico – e passarono alla storia come fra i più grandi allevatori di cavalli del tempo e grandi commercianti di ambra.
Il popolo veneto è uno dei pochi della penisola italiana a vantare un continuum dagli albori della storia, se non della preistoria. Si ha notizia dei primi Veneti insediati nel nord est della penisola, ma in un areale molto più vasto dell’attuale, fin da IX secolo a.C. stando ai rinvenimenti archeologici, dalle situle – vasi funerari in bronzo – ai reperti venetici trovati anche in Slovenia, Istria, nell’attuale Austria – Corinzia, fino ad Adria.
Le teorie sulle loro origini sono contrastanti, ma si inizia ad accettare l’idea (vedi Pallottino, Devoto e altri studiosi) che essi provenissero dal mar Baltico, o comunque dal centro Europa, e che siano giunti nella penisola commerciando l’ambra di quelle zone.
Secondo una nuova interpretazione e traduzione, lo studioso sloveno Matej Bor collocherebbe la lingua degli antichi veneti nell’area protoslava, cosa per la verità non accettata dagli studiosi italiani, che collocano la formazione del venetico in Italia, ritenendolo affine al latino (anche se all’epoca del venetico il latino era ancora in formazione).
Il principale nucleo urbano degli antichi veneti fu senz’altro Este, ove è presente oggi un interessante museo con moltissimi reperti dell’epoca. Altro grande centro della civiltà paleoveneta fu Padova, fondata secondo la tradizione nell’anno 1183 a.C., ben prima di molti altri insediamenti storicamente importanti come la città di Roma, fondata nel 753 a.C..

Mostra a schermo intero

Condividi su:


EVETOY – HENETI


Le fonti scritte sugli antichi Veneti sono molte e ben note, distribuite in un ampio arco di secoli e riferibili ai più famosi scrittori Greci e Latini: da Omero a Virgilio, da Tito Livio a Plinio il Vecchio.
I Veneti erano originari del medio oriente, da una regione posta vicino al Mar Nero.
Omero li chiamò “Evetoy” e così i tutti Greci; i Latini li dissero “Heneti” ben sapendo, come ci tiene a precisare Plinio (N.H. 37, 43), che questo termine era la traduzione di quello Greco.
Il significato Greco della parola EVETOY è: degni di lode, o lodevoli.

Luigi “Gigio” Zanon


Condividi su: